Auto elettriche o plug-in: sei aggiornato sulla diffusione della rete di colonnine di ricarica?

Giovedì, Aprile 29, 2021

Se parliamo di mobilità sostenibile e di svolta green non possiamo che non parlare di auto elettriche. Il 2020, grazie anche agli ecoincentivi nazionali stanziati dal governo e dalla Regione Veneto (maggiori informazioni qui), ha rappresentato un anno-exploit per il segmento dell’elettrico. Guardando oltre gli incentivi, un altro fattore ben presente nei pensieri di chi sceglie un’auto del segmento elettrico o plug-in è la mappa della rete di colonnine di ricarica. A che punto siamo?

Europa e Italia a confronto

Il vecchio continente conta 225 mila colonnine di ricarica, un’infrastruttura con ampi spazi di espansione, per stare al passo con la domanda di veicoli elettrici e rientrare così nel Green Deal europeo che sprona l’adozione di un parco circolante elettrico con lo scopo di ridurre le emissioni complessive di CO2.

Lo scenario italiano non si discosta molto da questo dato, nonostante il numero di colonnine elettriche sia in forte crescita: secondo un censimento di Motus-E, in Italia tra il settembre 2019 e il dicembre 2020 si è registrato un incremento dell’81% delle infrastrutture di ricarica, raggiungendo così i 19.324 punti di ricarica in 9.709 colonnine elettriche accessibili al pubblico. La ripartizione media è dell’80% su suolo pubblico e del 20% su suolo privato a uso pubblico (come in supermercati o centri commerciali), a disposizione del crescente parco auto circolante di veicoli totalmente elettrici e ibridi plug-in.

Dove sono più diffuse le colonnine di ricarica

A seguito della forte impennata delle installazioni avuta nel corso del 2020, circa il 57% delle infrastrutture di colonnine di ricarica censite allo scorso 31 dicembre sono distribuite nel Nord, il 23% nel Centro, il 20% nel Sud e nelle Isole. In particolare, nell’area di prossimità alle concessionarie Autostar e che comprende Friuli Venezia Giulia, Veneto,Trentino Alto Adige, Lombardia, ed Emilia Romagna possiamo contare il 42% delle colonnine elettriche installate in Italia.Una diffusione che possiamo considerare indice di una prima, importante progettualità rispetto alla diffusione della mobilità elettrica sul territorio

Se vi abiti o vi ricade la maggior parte dei tuoi spostamenti personali o di lavoro, la mobilità elettrica può essere quindi una scelta oltre che sostenibile, anche più efficacemente supportata nei tuoi futuri viaggi.

 

Richiedi Informazioni