Mobilità sostenibile: Autostar sostiene i progetti green del Comune di Treviso

Martedì, Luglio 21, 2020

Prosegue la collaborazione fra il Comune di Treviso e Autostar – Gruppo Autotorino, uniti in un progetto di sensibilizzazione della cittadinanza alla mobilità sostenibile e alla riforestazione urbana.

La mobilità sostenibile di BMW 225xe viaggia per la riqualificazione urbana

È stata presentata a Ca’ Sugana la BMW 225 xe Active Tourer offerta in uso da Autostar al Comune di Treviso, vettura ibrida caratterizzata dalla tecnologia plug-in che permette di ricaricare le batterie direttamente dalla rete elettrica domestica come un'auto elettrica e, nello stesso tempo, utilizzare con efficienza un motore a benzina: l’utilizzo della vettura, che sarà a disposizione dello Staff di Gabinetto del Sindaco e degli Amministratori per l’attività istituzionale, rientra nel progetto di sostenibilità ambientale e di promozione delle best practices relative alla riduzione dell’impatto ambientale derivato dall’uso di combustibile.

Il suo consumo combinato (urbano, extraurbano e misto) è di soli 2,1 litri per 100/km. L’autonomia è di 60 km nella modalità completamente elettrica (a zero emissioni locali) mentre sono particolarmente limitate anche le emissioni di CO2 nella modalità a benzina (46 g/km), fra le meno impattanti nel mercato automobilistico mondiale.

Quest’anno l’utilizzo della vettura sarà legato ad un progetto ambientale legato alla riforestazione urbana: ogni 100 km percorsi con la Bmw 225 ibrida verrà piantumato un nuovo albero nei quartieri in un’area che verrà definita dall’Amministrazione. Di fatto, le basse emissioni della vettura saranno “neutralizzate” dalla messa a dimora di nuove essenze.

Le dichiarazioni

«Le nuove tecnologie legate alla mobilità ad emissioni ridotte o zero non solo rappresentano il futuro ma anche una possibilità per i cittadini di avvicinarsi con particolare consapevolezza ai temi ambientali»,

le parole del sindaco Mario Conte.

«Come amministrazione stiamo puntando fortemente sull’utilizzo della bicicletta e su mezzi pubblici ad emissioni zero. L’anno scorso, grazie alla vettura 100% elettrica fornita sempre da Autostar – Gruppo Autotorino, che ringraziamo per la collaborazione, ha permesso di risparmiare quasi 2.000 euro di benzina e almeno 80 alberi che sarebbero stati necessari per sostenere la C02 prodotta per coprire i tragitti. Quest’anno abbiamo deciso di provare la tecnologia ibrido plug-in, che garantisce basse emissioni e la possibilità di annullare l’impatto inquinante in Città».

Sulla vettura campeggerà la scritta Autostar e Comune di Treviso per l’ambiente oltre al brand Treviso (con un cuore), che ha già caratterizzato alcuni eventi organizzati dall’Amministrazione comunale, voluto per ri-affermare l’orgoglio trevigiano.

Mattia Vaniniresponsabile area Veneto e Friuli-Venezia Giulia Autostar-Gruppo Autotorino, saluta con soddisfazione il rinnovo di questo progetto:

«Ci fa molto piacere poter continuare a sostenere i progetti di sensibilizzazione del Comune di Treviso, ponendoci nuovi traguardi: non solo contenere le emissioni e i costi di gestione nella mobilità del Comune, ma anche contribuire alla riqualificazione dell’ambiente urbano. Questo è un momento importante anche perché non sempre è evidente come l’industria automobilistica sia stata, al mondo, quella che più abbia sostenuto investimenti in ricerca, sviluppo e produzione di prodotti a sempre minor impatto. In particolare, questo modello della famiglia BMW i, è frutto di un ciclo di produzione integrato, presso fabbriche ad elevata efficienza energetica, con l’impiego di materiali anche riciclati e che prevede già il ri-utilizzo sostenibile di ampia parte della componentistica, batterie incluse. Impegno verso la sostenibilità che anche il nostro Gruppo condivide, non solo tramite la vendita di questi modelli: l’adozione di un sistema di gestione documentale digitale e della firma elettronica su ampia parte dei nostri documenti (come ad esempio i contratti di vendita), ha portato un risparmio di stampa di oltre 5 milioni di fogli A4 nel 2019».

Richiedi Informazioni